shipping
1300 632 332

view cartView Cart

Herb Grosch

September 13, 1918 – January 25, 2010

Dr. Herbert R.J. Grosch, “Un pioniere del computer che ha gestito importanti progetti di tecnologia e di scienza relativa allo spazio. Grosch è tutt’ora rispettato per aver scoperto ed aver descritto la relazione fra velocità e costo dei computer.”

— Citazione Premio ACM Fellows, 1995

“Anni fa pensavo di essere l’uomo più brillante del mondo, poi però ho incontrato von Neumann e Feynman. Nei decenni più recenti mi sono accontentato di un nomignolo. Infine però ho trovato i siti di Bemer!! Forse era meglio puntare al titolo di persona più irritabile? O perlomeno, nonagenario più irritabile.”

— Herb Grosch, 26 Novembre 2003

Spezzone dell’autobiografiadi Herb del 1991: “Sono stato convertito in un computer cinquant’anni fa. Ero il secondo scienziato preso a lavorare dall’IBM e ho potuto vedere gli Watson su Olympus, così come Bill Norris, Ken Olsen, Gene Amdahl e un migliaio di altre figure commerciali e accademiche incredibili. Dopo tre anni di divertimento ero arrivato ad essere il leader federale nel campo dei computer e sono riuscito a sfuggire al mondo dell’editoria per i giornali più grandi in commercio. Ero un membro della prima società professionale di computer in assoluto, che era quindi al tempo anche la più grande di tutte e fui eletto come primo presidente nazionale tramite petizione da parte dei membri. Ho lavorato a Monaco, in Svizzera e in Olanda quando ero una figura estremamente controversa per essere preso a lavorare negli Stati Uniti d’America e mi hanno consultato per conto della migliore e più grande azienda giapponese di computer…”

Herb è in primo piano su questo sito perché, assieme a Wallace Eckert, fu uno dei principali istigatori per la computazione automatica delle macchine e per la scienza computazionale all’Università di Columbia, come scienziato IBM Watson Labe membro della facoltà Columbia fra il 1945 e il 1950. Nel 2003 Herb notò la mia storiae cominciammo a scrivere della voluminosa corrispondenza, su cui abbiamo lavorato fino alla sua morte; lui apportò svariati contributi al sito, cosa che si può ben vedere se inserite “grosch” nel riquadro di ricerca sullapagina della storia principale(o semplicemente cliccando qui).

Herb fu un’enciclopedia umana; non solo era stato ovunque e aveva fatto qualsiasi cosa, ma si ricordava ogni dettaglio: la gente, le macchine, gli eventi, le organizzazioni, le pratiche di programmazione dei tempi antichi, ogni macchina IBM e ogni modello uscito in metà secolo. Herb era generoso e candido con le sue proprie conoscenze, condividendo tutto quello che sapeva con un senso dell’umorismo molto modesto e oltre alle altre cose, va detto che lui era una persona che apprezzava sinceramente la figura della donna, una qualità che fino ad oggi è ancora rara da vedersi nelle persone del suo sesso. Come si può ben vedere dalla sua autobiografia, Herb ha condotto una vita straordinariamente piena ed era estremamente aperto nel rispetto dei suoi fallimenti. Cliccate sulla striscia di immagini in cima per vedere una galleria di foto personali. Organizzare ed etichettare queste foto (e le tante altre non ancora mostrate) fu un progetto che non portò mai a termine.

 

Momenti salienti della sua carriera:

Osservatorio Navale degli Stati Uniti, 1941.

Dottorato di Ricerca, Astronomia, Università di Michigan, 1942.

Laboratorio Scientifico Watson di Computazione all’Università di Columbia, 1945-1951.

Socio Fondatore, Associazione per Macchinari Computazionali(ACM), 1947.

Giver, La Legge di Grosch(1950): “La potenza computazionale cresce al quadrato del costo.”

Progetto WHIRLWIND, MIT, 1951.

Presidente, Società Razzi Americana(ora divenuto Istituto Americano di Aeronautica e Astronautica), 1951.

Docente, Laboratorio Cavendish, Cambridge, Regno Unito, 1954.

Primo Manager del Programma per lo Spazio IBM, 1958-59.

Redattore Collaboratore, DATAMATION, 1959-63.

Direttore, Ufficio Nazionale degli Standard Centrali nelle Scienze Computazionali e nella Tecnologia (ora divenuto Laboratorio di Tecnologia Informatica NIST), 1967-70.

Socio, Società Britannica Computazionale (ora divenuto Istituto Commerciale per le Tecnologie Informatiche), 1959.

Redattore, Computerworld, 1973-76 (26 Luglio 1967 V1#2 COVER).

Presidente, Associazione per Macchinari Computazionali, 1976-78.

Professore, Università di Columbia (1946-51), Arizona State College (ora divenuta Università) (1956), Università di Boston (1972), NMSU Las Cruces (1994), UNLV Las Vegas (Distinto, 2002), Istituto di Storia e Filosofia delle Scienze e delle Tecnologie, Università di Toronto, (2003-2008). Alla Columbia, Grosch progettò e insegnò uno dei primi corsi di Scienze Computazionali (Informatica), cominciando dal 1946: Ingegneria, 281: Metodi Numerici.

 

Pubblicazioni selezionate:

Maxwell, Allan D. and H.R.J. Grosch, “Elements and Ephemeris of Delaporte Object 1936 CA”, Pubblicazioni dell’osservatorio dell’Università di Michigan, Vol.6, No.11 (1937).

Grosch, H.R.J., “Integration Orbit and Mean Elements of Jupiter’s Eighth Satellite”, Dottorato di Ricerca dissertazione, Università di Michigan (Aprile 1942).

Grosch, H.R.J., e J.E. Willis, “Positions of Pluto”, Giornale Astronomico, Vol.50, No.14 (Giugno 1942), pp.14-15.

Grosch, H.R.J., “Ray Tracing on IBM Punched Card Equipment”, Giornale della Società per Ottici Americana, Vol.35, 803A (1945).

Grosch, H.R.J., Bibliografia sull’Uso di Macchine IBM nella Ricerca Scientifica, Statistica e nell’Istruzione, IBM (1945).

Grosch, H.R.J., “Harmonic Analysis by the Use of Progressive Digiting”, Risultati del forum di Ricerca del 1946, IBM (1946).

Grosch, H.R.J., “The Orbit of the Eighth Satellite of Jupiter”, Giornale Astronomico, Vol.53, No.180 (1948) (una forma ristretta della tesi di Dottorato di Ricerca di Grosch del 1942).

Grosch, H.R.J., “Ray Tracing on IBM Punched Card Equipment”, Giornale della Società per Ottici Americana, Vol.39, 1059A (1949).

Grosch, H.R.J., “Multiplication of Small Matrices”, IBM, New York (1 Giugno 1949).

Grosch, H.R.J., (ed.), Risultati del Forum Computazionale Scientifico del 1948, IBM (1950).

Grosch, H.R.J., “The Use of Optimum Interval Mathematical Tables”, Risultati del Forum Computazionale Scientifico del 1948, IBM (1950).

Grosch, H.R.J., “Bibliography on Chebyshev Polynomials and Their Use as Optimum Approximation Functions”, Risultati del Seminario Scientifico del 1949, IBM (1951).

Grosch, H.R.J., “A New Level of Instruction in Celestial Mechanics”, Giornale Astronomico, Vol.63 (1958).

Grosch, H.R.J, Computer: Bit Slices of A Life (prima edizione), Third Millenium Books (1991).

Collegamenti:

Lucidi a Colori di Herb, 1947-1982

Sparisci ragazzo mi dai noia, Allan Olley, 21 Gennaio 2011 (Società di Storia delle Tecnologie dell’Informazione).

Necrologio Associazione per Macchinari Computazionali, 29 Gennaio 2010.

Omaggio alla Società di Storia delle Tecnologie dell’Informazione, Paul Cerruzi, 29 Gennaio 2010.

Computer: Bit Slices from a Life, 3° Edizione (2003, reperibile per intero online).

Kleine Planeten(1947).

Forum Computazionale Scientifico IBM del 1948

Messerschmitt Kabinenroller (und andere Kleinwagen) (foto del 1954 di Herb)

Interviste da parte di Richard R. Mertz, Istituto Smithsonian:

15 Luglio 1970 (PDF, 36 pagine).

24 Agosto 1970 (PDF, 66 pagine).

9 Novembre 1970 (PDF, 47 pagine).

30 Marzo 1971 (PDF, 129 Pagine).

7 Maggio 1971 (PDF, 78 pagine).

Brennan, J.F.,Laboratorio IBM Watson all’Università di Columbia: Una Storia, IBM (1970).

Grosch, H.R.J, “Ricordi del Laboratorio Scientificio Watson, 1945-1950“, Rapporto del Museo del Computer, Vol.4 (Primavera 1983).

Documenti di Herb Grosch(Istituto Smithsonian)

Una conversazione con Herbert R.J. Grosch(ACMUbiquity, Volume 2, Pubblicazione 39, 4-10 Dicembre 2001)

Von Neumann contro Watson Sr. (Lezione di Herb Grosch ACM, Gennaio 2003).

Gardner, W. David, “L’autore della Legge di Grosch sta ancora Andando Forte all’Età di 87 Anni“, TechWeb News, 12 Aprile 2005.

Herb Grosch e amico con IBM 701(1956).

Laboratorio Scientifico Watson di Computazione all’Università di Columbia 1945-1970

Frank da Cruz / Storia della Computazione all’Università Columbia(sezioni che vanno dal 1945 al 1950).

 

Frank da Cruz / Storia della Computazione alla Columbia University / 2004-2013